Home / Paleo / Ricette / Pane / Pane Paleo o meglio pane con ingredienti Paleo

Pane Paleo o meglio pane con ingredienti Paleo

Pane Paleo o meglio con ingredienti Paleo.

Pane Paleo o meglio con ingredienti Paleo

Oggi, viste le molte richieste, ho deciso di postare la ricetta per fare il Pane Paleo o meglio pane con ingredienti Paleo. Ormai sapete come la penso quindi vorrei fare una piccola premessa: ricette troppo elaborate non sono paleo. Infatti anche se da recenti scoperte sembra che la cottura dei cibi non ha 40.000 o 300.000 anni ma quasi 2.000.000 (fonte: Mangia crudo per dimagrire, cuoci per i Muscoli! C. Tozzi), difficilmente nel paleolitico si cucinava e certamente non si preparava il pane… neanche con la farina di mandorle!

Quindi il mio consiglio è di non abusarne.

Sto ancora elaborando la ricetta e sicuramente è possibile qualche miglioramento ma anche così il risultato non è per niente male.

Ingredienti:

  • 250g di mandorle bio
  • 25g di farina di cocco (farina non cocco grattugiato) bio
  • 60g di semi di lino bio
  • 25g di semi di sesamo bio
  • 5g di bicarbonato di sodio
  • un pizzico di sale
  • *400g di bianco d’uovo di uova del contadino
  • 60g di acqua
  • 60g di olio EVO (io uso solo olio 100% Italiano)

Preparazione

Per prima cosa preriscaldare il forno a 180/190 °C e ricoprire uno stampo per il pane in cassetta con della carta forno.

Tritare mandorle,  farina di cocco, semi di sesamo, semi di lino, bicarbonato e sale in un frullatore per 30/40 secondi in modo da ottenere una farina abbastanza grossolana.

Montare il bianco d’uova a neve in una ciotola/coppa abbastanza capiente.

Un volta finito aggiungere un poco alla volta la farina ottenuta dai semi ed amalgamare bene cercando di non far smontare il bianco. Aggiungere acqua ed olio e continuare ad mescolare.

Versare il composto ottenuto nello stampo e mettere in forno (statico). Dopo circa 30 minuti togliere il pane dallo stampo e cuocere per ancora 10/15 minuti.

Lasciate raffreddare il pane in modo che finisca di asciugarsi anche all’interno.


* la ricetta prevede l’uso solo del bianco, cosa farne del rosso allora? Ad esempio l’uovo sbattuto paleo -> che io adoro 🙂 …

2 comments

  • ciao Gianfranco, sono Isabella, ti scrivo da Trevi (tanto per rimanere in tema è una zona di nicchia votata ad un EVO eccellente). La tua ricetta di pane paleo è molto invitante, quello che faccio io (ho due tre ricette simili) non mi è mai venuto cosi bello, non cresce. Comunque la mia domanda è : come lo conservi? Io ne mangio al massimo una fetta al giorno, e tutti i pani paleo con le mandorle e semi , sia con gli albumi che con le uova intere dopo 5 giorni si ammuffiscono. Posso metterlo in frigo? Sarà buono dopo? Posso congelarlo e poi scaldarlo nel tosta pane? Grazie per il tuo aiuto. Isabella.

    • Ciao Isabella, sinceramente non saprei dirti. Io lo tengo fuori frigo, su un piatto, 3/4 giorni e non ho mai avuto problemi di muffa (aperto, non in sacchetti o buste). L’unica cosa che ho notato è che dopo 3/4 giorni comincia a seccarsi.
      In estate credo si possa conservare tranquillamente in frigo. Credo, perché non ho mai provato (in piena estate mi rifiuto di accendere il forno :)).
      La prossima volta che lo faccio provo a metterne qualche fetta in congelatore e ti faccio sapere. Ciao Gianfranco

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.